LA CAPACITà ANTIOSSIDANTE DEI NOSTRI SUCCHI DETOX

Una dieta antiossidante deve essere ricca di frutta e verdura cruda e fresca, povera di grassi saturi e di grassi idrogenati, fonti molto ricche di radicali liberi. Esistono numerose sostanze antiossidanti di origine vegetale o di sintesi. Non esiste un solo prodotto che riduca in modo significativo il danno prodotto dall’accumulo dei radicali liberi ed è meglio ricorrere ad una miscela di

antiossidanti. I polifenoli costituiscono una famiglia di circa 5000 molecole organiche naturali, seminaturali o sintetiche largamente presenti nel regno vegetale. Sono caratterizzati, come indica il nome, dalla presenza di molteplici gruppi fenolici associati in strutture più o meno complesse generalmente di alto peso molecolare. I polifenoli sono antiossidanti naturali presenti nelle piante (molecole polifenoliche tipo bioflavonoidi noti come procianidine, proantocianidine, leucoantocianidine, piconogenoli, tannini, ecc.) e possono risultare utili nella prevenzione

dell'ossidazione delle lipoproteine e nel reagire con i radicali liberi, eliminandoli; sono accertati inoltre effetti biomedici positivi a livello cardiovascolare, di malattie legate alla senescenza e di arresto della crescita tumorale. E' stata stabilita una misura del potere antiossidante dei vegetali, ed e’stata definita una unità di misura, cui è stato dato il nome di ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity.

antiage-succhi.PNG

TEST ORAC: OXYGEN RADICAL ABSORBANCE CAPACITY

 

Gli antiossidanti del vegetale vengono fatti reagire con i radicali perossilici in presenza di fluoresceina, rivelatore dello svolgimento della reazione. Finchè gli antiossidanti sono in grado di catturare i radicali, essi proteggono la fluoresceina dal decadimento; terminato l’effetto degli antiossidanti, i radicali reagiscono con la fluoresceina che perde fluorescenza.

Il tempo di decadimento della fluorescenza è proporzionale a quantità ed attività degli antiossidanti presenti nel campione. Il valore numerico delle unità ORAC si esprime in ­moli di equivalenti Trolox e si calcola valutando l’area sottesa dalla curva di decadimento della fluorescenza rapportata a quella del Trolox, un analogo idrosolubile della vitamina E, che funziona da standard. Con il metodo ORAC, si può avere sia la capacità antiossidante dei composti idrosolubili che di quelli liposolubili; addizionando le due quantità si ottiene il valore di ORAC totale del prodotto.

Numerose ricerche hanno evidenziato che il quantitativo minimo di ORAC che bisogna assumere ogni giorno è almeno pari a 2000 unità e che rispettare tale indicazione permette di aumentare fino al 25% il potere antiossidante del sangue umano.

succhi-antiossidanti.PNG